OUTER SPACE

FuturDome | via Paisiello 6
Outer Space – La prima mostra italiana dedicata ai project space italiani 
Curator: Ginevra Bria
Artistic direction: Atto Belloli Ardessi

All’interno di FuturDome dal 27.03 al 15.04, Outer Space presenta un percorso curatoriale attraverso undici progetti inediti, un’occasione di incontro con il pubblico e con nuove forme di collezionismo.

Durante i giorni di miart, il progetto si propone come tramite e materia di un’esplorazione: uno spazio di scoperta, sperimentazione e ricerca sull’arte contemporanea approfondito attraverso dieci progetti inediti, proposti da dieci fra i più attivi project space in Italia, riuniti in dieci unità abitative all’interno di FuturDome, in via Paisiello 6 a Milano. La mostra si cala nel vuoto apparente tra istituzioni culturali e gallerie commerciali per dimostrare che questo non consiste in una vastità, in un vuoto assoluto, ma nel processo generativo di realtà in espansione, che oggi danno origine a stelle visibili.

Outer Space è a cura di Ginevra Bria con la direzione artistica di Atto Belloli Ardessi. I project space invitati aderiscono a diversi modelli esistenti di spazio indipendente: Almanac (Torino/Londra), Current (Milano), Gelateria Sogni di Ghiaccio (Bologna), Le Dictateur (già interno a FuturDome), Mega (Milano), Site Specific (Scicli), T-space (Milano), Tile Project Space (Milano), Treti Galaxie (Torino) e Ultrastudio (Pescara). Connessi da un progetto inedito di ATZ (Milano).

Da Milano a Bologna, da Pescara a Scicli, all’interno di spazi urbani fisici, oppure immateriali, che li identificano e li connotano, i project space selezionati testano nuovi territori dell’arte contemporanea anticipando il mercato dell’arte e promuovendo artisti emergenti attraverso attività che forniscono ad audience particolari, in momenti specifici, il riempimento di un vuoto.
Negli ambienti di FuturDome, gli spazi indipendenti, decontestualizzati rispetto alle loro sedi, esprimono la forza e la solidità delle loro incursioni nel futuro dell’arte, mostrandosi non solo come realtà temporanee in grado di crescere e operare, ma anche come istituzioni professionalizzate in grado di definire la prossima generazione di artisti.

Oltre ai curatorial tour offerti ai visitatori, per avvicinare gli artisti proposti e i diversi project space anche a un pubblico di collezionisti già affermato, o in via di crescita, Diego Bergamaschi, collection specialist riconosciuto proprio per la sua grande attenzione al panorama degli artist-run e curator-run space italiani, curerà gli Special visiting tour, una serie di visite guidate su invito che si svolgeranno in occasione delle giornate di miart.

Inoltre, al primo piano di FuturDome, Agreements To Zinedine curerà un intervento ambientale dal titolo Refuge in Case of Tropical Storm, specificamente ideato per Outer Space. L’agenzia non costituita, di artisti per artisti, fondata a Milano nel 2015, occuperà un intero appartamento per sviluppare un paesaggio luminescente, un giardino tropicale interno narrativo, che funzioni da zona di approfondimento per i visitatori e come area di consultazione dei saperi di tutti e dieci i project space partecipanti.

da martedì 28 marzo a giovedì 15 aprile

FuturDome, via Paisiello 6, Milano

 

Orari: tutti i giorni, dalle 10.00 alle 19

Ingresso: gratuito

info@futurdome.com, 392.7900203

 

Curatorial Tour

Venerdì 31 marzo ore 17.30

Sabato 1 aprile ore 17.30

Domenica 2 aprile ore 15.30

Sabato 8 aprile ore 17.30