Giorgia Lucchini

One, two, three (1)

NOME | Giorgia Lucchini

SEGNO ZODIACALE | Sagittario

CITTA’ | Codogno

PIATTO PREFERITO | Xiao Long Bao

ALBERO PREFERITO | Pioppo

 

Com’è la tua aria? Nebbiosa

L’animale che sogni più spesso? Cavallo

Come occupi lo spazio? Ricordi

Sei arrabbiato? No

Luce  o buio? Buio

Cosa c’è sul tuo comodino? Libri

Il tuo limite? Corpo

Uditivo o visivo? Visivo

Terra o acqua? Acqua

Chi/cosa sei? Complessità

Hai più freddo o più caldo? Freddo

Qual è la tua liturgia quotidiana? Muoviti

 

 

RITRATTO TUO DI ME

Giorgia è una ragazza molto intrigante. La prima volta che l’ho vista ho subito notato i suoi capelli; neri, lunghi e fluenti. Quando ho ascoltato la sua presentazione e quindi mi sono potuta fare un’idea più delineata della sua persona, ho subito percepito una grande sensibilità nascosta e celata dietro una timidezza quasi eccessivamente educata. Sentivo, senza nessun motivo, che Giorgia avesse molto da dire, che fosse una ragazza piena di contenuto, di sogni e di idee, ma che quasi non volesse esprimerli per paura di disturbare, forse di apparire fuori luogo, di non venire compresa. Col passare dei giorni ho iniziato a scambiare qualche parola con lei, e mi sono subito resa conto che la mia impressione era reale: Giorgia era davvero una persona interessante; tanti interessi, tante passioni, un mondo interiore completo e pieno di contenuti. Una ragazza che non sa stare ferma, piena di voglia di intraprendere esperienze nuove e di mettersi in gioco, forse un po’ bloccata dalla sua timidezza, che però ho sempre percepito e ho avuto modo di capire essere una timidezza molto rispettosa, educata, sincera e spontanea, quella di chi ascolta prima di imporre la sua opinione, quella di chi soppesa le parole dando quindi loro un incredibile valore, cosa che al giorno d’oggi reputo meravigliosa e per nulla scontata.