Sul Carnevale che “danza senza musica”

Con mutevoli stratagemmi e alterni risultati, i mondi plurali che ci circondano, via via meno fisicamente reali, ci ricordano che è, sarebbe, sarà Carnevale (e potremmo anche coniugare diversamente, nei campi del se o del non più). Coriandoli all’uscita dei palazzi, ben aderenti all’asfalto e dunque non freschissimi, dolci stagionali nelle vetrine, paginoni sui giornali che da par loro spaziano tra i carnevali del nostro paese, o d’Europa o anche del mondo, offrendoli come singolari o addirittura nuove destinazioni turistiche, e ovviamente l’oceanico flusso di impercepiti post e affini.

Girare il mondo alla ricerca di un carnevale? O girarlo soltanto con la mente, sapere digitando che da qualche parte qualcosa accade senza la benché minima altra partecipazione – come sempre, forse.

Invece i dolci son lì da mangiare, e i coriandoli sono stati pur gettati da qualcuno, presumibilmente giovane o giovanissimo, sparuta infanzia che ancora gioca con le mani, gli oggetti, la strada.

Un po’ poco, per una festa che più di tutte le altre rovesciava il mondo e le regole, trasgrediva e capovolgeva, almeno una volta l’anno. Il Carnevale tutto conosceva e tutto comprendeva – alla lettera – perché  sua regola era lo specchio, la capriola, il dodicesimo tarocco appeso al ramo o alla cornice: tutto quanto consentisse vedere l’aldilà, o meglio vedere dall’aldilà.

Ma il mondo si è rovesciato da solo, da due secoli e mezzo, e quel Rousseau oggi maldestramente evocato da una “piattaforma” l’aveva ben capito e scritto, raccomandando i suoi coetanei di non perdere gli affetti, i vincoli, la capacità di vedersi e conoscersi gli uni negli altri, anche o soprattutto grazie ai fatti e alle azioni della festa, del rito, dello stare realmente insieme.

Il mondo si è disordinato da solo perché la società moderna del lavoro e della produzione ha scardinato meccanismi collettivi arcaici, che appunto erano vincoli, compresi gli eventi o i riti o le feste e celebrazioni, che davvero erano “imperdibili”. Erano obblighi, feste comandate. Oggi, si sa, ognuno fa quel che gli pare – fine della festa.

Tanto che una festa come il Carnevale (legata alla Quaresima, cioè alla Pasqua o a una luna di primavera, semplificando) è talmente debole e quasi insignificante che non sappiamo neppure quand’è. Perché non sappiamo nulla della luna, e di tutto quel che ne discende.

Ci rovesciamo in altri modi, o almeno ci scombussoliamo, in altri dispositivi che ci fanno provare il travestimento, il trucco, la maschera; insomma qualcosa di carnevalesco, tranne il movimento fondamentale della vertigine tra cielo e terra e ritorno, tranne quella scossa cognitiva di noi e di “più di noi”.

Una città come Milano, città degli eventi così diffusi da diventare innocui (le week, le city: yes, Milano – inglese imperdonabile ma si vogliono citare i messaggi ufficiali), ammortizza da tempo queste scosse e semmai passa, in questi stessi giorni, dal Sanremo via Rai alla Moda Donna, dall’Oscar via Abc a Museo City.

Chi ci vive, però, merita di non perdere del tutto la memoria e di non ridursi, diceva Furio Jesi, a “danzare senza musica”.

Siamo tra le Alpi, sotto le montagne, terre alte dove isole arcaiche resistono e fanno Carnevale con la musica del rito.

Dal Friuli al Piemonte, da Veneto e Trentino alla stessa Lombardia (Bagolino), i carnevali tradizionali di un tempo, vivi grazie a minoranze, resistono per insegnarci qualcosa, a noi maggioranza silenziosa, distratta e assopita nel chiasso metropolitano.

Andiamoci, da giovedì 28 a martedì 5 (martedì grasso), quando Carnevale se ne andrà, luce pallida nella notte, e contro la nostra indifferenza ci darà appuntamento a un altr’anno.

 

PAOLO DALLA SEGA

 

DECALOGO PER UN MARKETING DELLA CULTURA

Andrea Maulini – docente di marketing della cultura al MEC Master Eventi Culturali e direttore generale di Profili (www.profili.eu) – da anni occupato in marketing e comunicazione, come consulente di numerose aziende di diversi settori merceologici enumera in un decalogo i temi fondamentali della comunicazione e marketing della cultura oggi. Continua a leggere “DECALOGO PER UN MARKETING DELLA CULTURA”

NON PIÙ SPRECHI MA RISORSE | Re-think – Circular Economy Forum

C’è un’isola nel Pacifico che ha una superficie comparabile per estensione a quella degli Stati Uniti. È immersa nell’oceano ma è lontana dall’immaginario paradisiaco e dal sentore tranquillo che suggerisce il nome delle acque di cui si alimenta. È la Great Pacific Garbage Patch, un’immensa chiazza di spazzatura che imbratta le acque dell’Oceano Pacifico, procura la morte di migliaia di specie animali e si insinua silenziosamente nelle catena alimentare (per intenderci nei nostri stomaci).

Continua a leggere “NON PIÙ SPRECHI MA RISORSE | Re-think – Circular Economy Forum”

Re-Think – Circular Economy Forum | MILANO 14.02.18

Giovedì 14 febbraio 2018, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano si terrà Re-Think – Circular Economy Forum, l’evento è risultato del project work MEC 2017/18 in cui gli studenti si sono occupati della definizione della mission e del concept dell’evento, studiando accuratamente il programma di giornata e gli ospiti da invitare. Hanno immaginato una serie di incontri e dibattiti su tre grandi temi (città, tecnologie e materiali) e uno spazio in cui aziende e realtà esemplari potessero mettere in evidenza il loro operato e i loro prodotti, mediante  una mappa interattiva funzionale a facilitare la consultazione e la collocazione delle stesse. Continua a leggere “Re-Think – Circular Economy Forum | MILANO 14.02.18”

IN UNA PAROLA, RITRATTO TUO DI ME

Una classe formata da una ventina di esseri umani più o meno ventenni provenienti da diverse città.
“In una parola, ritratto tuo di me” è la sezione che offrirà una prospettiva orizzontale e speculare di identità personali.
Ciascun ritratto è bipartito.
La prima parte descrive in risposte lapidarie in una parola.
La seconda parte affida la parola all’altro.
L’inizio delle lezioni ha contribuito a definire e ridefinire concetti, ha mostrato come nella cultura si celi un alone immateriale dato dalla capacità di guardare le cose e trovarvi l’idea senza inventare nulla, semplicemente scoperchiandola, svelandola.
Talvolta le idee sono già manifeste, quello che cambia è lo sguardo con cui le si fotografa e, conseguentemente, tramuta in evento.
Per vedere meglio occorre conoscere le componenti dello spazio e del tempo in cui ci muoviamo per poterne costruire la mappa. Ambienti, contesti; territori, città. Ma prima di guardare fuori bisogna guardare dentro e appena intorno, per sapersi raffigurare in questa mappa.
Questi ritratti sono un esercizio di descrizione del dentro “in una parola”; e di descrizione di quanto è appena intorno, tramite una breve narrazione di una compagno che occupa lo spazio circostante dell’aula.
Come si è fatti fisicamente è visibile a tutti reciprocamente. Qui, l’esercizio sta nel condire peculiarità fisiche con dettagli soggettivi da cogliere in una persona che è stata affidata a ciascuno e cui si restituirà un nuovo sguardo su se stessa.
Un ritratto al giorno, da oggi fino ai prossimi 19 giorni.
camilla ferronicamilla ferroni
camilla ferroni (1) camilla ferroni
camilla ferroni (1)camilla ferronicamilla ferroni (2)